Lunedi, 27 Agosto 2007

Ancora nessun permesso per il rientro della salma di Sbrizzai Diomiro dalla Moldavia.

Diomiro Sbrizzai era in visita alla compagna. Doveva rientrare con lei per farla conoscere in famiglia

Non si conosce ancora con certezza la data del rimpatrio della salma di Diomiro Sbrizzai, il quarantanovenne di Paularo deceduto mentre si trovava in Moldavia per incontrare i familiari della propria compagna. Aveva deciso di trascorrere un po' di giorni all'estero per conoscere il paese della donna e fare ritorno a Paularo a breve. Giovedý scorso Ŕ scivolato dal marciapiede mentre stava scattando una foto, e cadendo, Ŕ finito sulla carreggiata. Non ha potuto evitare l'impatto con un'auto. Il decesso Ŕ avvenuto all'ospedale di Chisinau, la capitale della Moldavia. Una morte sconcertante che ha lasciato senza parole gli abitanti di Paularo. Diomiro si prestava per il paese, non faceva mancare mai il suo aiuto. Il parroco di Paularo don Giovanbattista Del Negro lo ricorda per il suo impegno all'interno della chiesa. A Paularo, mentre si sta svolgendo la manifestazione "Mistirs", non si nasconde lo sconforto. Intanto il fratello della vittima, Quinto, nella notte di sabato ha raggiunto la Moldavia e ieri ha contattato via mail i propri famigliari. Per stasera Ŕ fissato il suo rientro, ma per il rimpatrio della salma non viene ancora ufficializzato. Con ogni probabilitÓ dovrebbe avvenire domani, e comunque i funerali non si svolgeranno prima di mercoledý.

Torna al Sommario delle News